Capita spesso di alzarsi presto la mattina e scegliere di fare colazione in un bar ed accorgersi che a qualunque ora c’è qualcuno che se ne sta assorto presso la sua slot machine, senza curarsi né di chi ha intorno, né della ingente quantità di denaro che inserisce nella macchinetta mangiasoldi momento dopo momento.

Cosa stanno facendo nel cuore della notte, o la mattina all’alba lontano dalle loro famiglie?

La ricerca scientifica fornisce una potenziale risposta; e non ha niente a che fare con i soldi.

Gioco d’azzardo e socializzazione

Il gioco d’azzardo è una delle molte attività sociali e di svago disponibili al pubblico in generale. Alcune forme di gioco d’azzardo coinvolgono la socializzazione, come dimostrano il brusio dell’eccitazione nei locali con monitor che aspettano il jackpot delle lotterie. In altri luoghi, gli amanti dello sport si riuniscono per piazzare scommesse su giocatori e squadre, motivati ​​dal loro sincero amore per il gioco.

Molti eventi pubblici mescolano il gioco d’azzardo con l’intrattenimento.

Un esempio famoso è rappresentato dal giorno di apertura della stagione delle corse di cavalli, in Gran Bretagna, che prevede la più famosa competizione di cappelli per signora e di conseguenza, per molti partecipanti, il focus è sul socializzare invece che sul gioco d’azzardo.

Anche nei casinò, molti giocatori amano l’aspetto sociale di sedersi a un tavolo da poker o dadi per conoscere altre persone, poterle sfidare e condividere la passione per il gioco e il potenziale per vincere denaro è solo uno dei vantaggi.

Per altri, tuttavia, il gioco d’azzardo crea dipendenza. Alcuni hanno l’errata convinzione che in realtà che la vittoria sia una questione di abilità personale, altri che la vincita multimilionaria cambierà la loro vita, alcuni, molto più semplicemente affrontano attraverso il gioco d’azzardo ansia è stress.

Le slot machine come automedicazione

Le slot machine vengono spesso create come oggetti luminosi e brillanti. Analogamente ai videogiochi, presentano temi creativi e di tendenza, colori vivaci, luci lampeggianti e una combinazione di immagini e suoni progettati per attirare i potenziali clienti.

In una ricerca dell’università di Waterloo in Canada ( https://uwaterloo.ca/ ) del professor Mike J. Dixon et al. (2019), è emerso che nel condurre ricerche sul gioco d’azzardo come forma di fuga, si può iniziare a notare il fascino del gioco delle slot machine come forma di intrattenimento.

A differenza delle lotterie, i pagamenti delle slot machine (quando si verificano) sono immediati, spesso accompagnati da musica che attira l’attenzione e animazioni high-tech.

I ricercatori si sono concentrati sui giocatori che sono entrati nella «zona slot machine», uno stato di assorbimento durante il quale il gioco annulla la consapevolezza e fa in modo che il tempo passi in modo scorrevole e «più velocemente», uno stato che molti giocatori trovano estremamente piacevole. Sfortunatamente nonostante la somiglianza con il concetto di flusso della psicologia positiva, il flusso indotto dalle slot machine spesso porta a conseguenze negative, in termini di gestione del tempo e perdita monetaria.

La seduzione della slot machine e la depressione da flusso oscuro

Nella sua ricerca il professor Dixon descrive il fenomeno dell’assorbimento totale da gioco come una dimensione che fa dimenticare ogni altra cosa della propria vita. Uno stato che ha definito «flusso oscuro».

Questo stato di assorbimento porta spesso a conseguenze negative e ignote, oscure appunto, come spendere più denaro di quanto se ne abbia a disposizione creando così problemi a sé stessi e alle famiglie. Eppure il flusso oscuro stesso è collegato a un effetto positivo per il dipendente patologico durante il gioco.

In uno studio che ha coinvolto 129 giocatori d’azzardo, Dixon e il suo team hanno scoperto che i problemi di consapevolezza erano legati al gioco d’azzardo problematico, alla depressione e al flusso oscuro.

In particolare, nei soggetti che hanno riportato sintomi significativi di depressione nella vita quotidiana, il flusso oscuro ha prodotto un maggiore effetto positivo durante il gioco, spiegando in tal modo la seduzione delle slot machine come mezzo di fuga.

Di conseguenza, i problemi di gioco potevano essere previsti dall’effetto combinato della depressione e del flusso oscuro.

Alternative salutari

Se ti trovi seduto da solo in una sala slot nel bel mezzo della notte in una stanza piena di estranei, questa situazione può aiutarti a farti una domanda che nasce tra la tua motivazione al gioco e il tuo umore. Perché per alcune persone, giocare alle slot è più una fuga che un intrattenimento. Se soffri di depressione, considera la varietà di sbocchi alternativi e opzioni più salutari che ti permetterebbero di migliorare il tuo umore, passare il tempo con i tuoi cari e risparmiare i tuoi soldi.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando "ACCETTO" permetti il loro utilizzo. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi