A chiederselo sono i ricercatori di Nature ( https://www.nature.com/ ) importante rivista di scienza e ricerca.

Pare che in seguito ad una complessa ricerca che ha coinvolto lo studio di diverse aree cerebrali gli scienziati si siano convinti che trovare un «rimedio» alla dipendenza patologica sia possibile, molto complesso, ma possibile.

La tossicodipendenza è una malattia cronica e recidivante del cervello, cita Nature nell’abstract e noi come Centro Bresciano di Solidarietà ci sentiamo in dovere di sottolineare questa frase perché, purtroppo, ancora troppo spesso si parla di cattiva abitudine del tossicodipendente.

Molteplici reti neurali cerebrali: il sistema di ricompensa che include il sistema mesocorticolimbico, il sistema anti-ricompensa / stress come l’amigdala estesa e il sistema immunitario centrale, sono coinvolti nello sviluppo della tossicodipendenza e nelle successive ricadute dopo un periodo più o meno lungo di astinenza.

Studi preclinici e clinici hanno dimostrato che è promettente controllare la tossicodipendenza mediante lo studio mirato dei sistemi correlati alla dipendenza nel cervello in base al farmaco di abuso.

Sono stati esaminati da Nature gli obiettivi farmacologici delle diverse droghe all’interno del sistema della dopamina, il sistema del glutammato, il sistema della traccia dell’amina, il sistema antigestione e il sistema immunitario centrale.

Questi risultati sono stati confrontati con le potenziali terapie come la stimolazione cerebrale o trattamenti comportamentali. I risultati sono stati positivi.

La conclusione dei ricercatori della nota rivista è stata che, sebbene la tossicodipendenza sia un disturbo complesso che coinvolge complicati meccanismi neuronali e processi psicologici, questo disturbo mentale è curabile e potrebbe essere curato con terapie come la modulazione genica in futuro.

La ricerca nel settore è ancora decisamente aperta, ma dai risultati ottenuti si evince non solo la curabilità di questa patologia, ma fatto ancor più positivo, che la scienza e la ricerca trattano seriamente e continuativamente il problema.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando "ACCETTO" permetti il loro utilizzo. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi